Realizzazioni

Ambiente > Metodo multihabitat >
Impianto idroelettrico - nel Comune di Fossano (CN) - Centrale idroelettrica sul Fiume Stura di Demonte

Scheda tecnica:




Ripetizione del monitoraggio ante-operam attraverso campionamenti del macrobenthos mediante l’applicazione del metodo multihabitat proporzionale a monte ed a valle della presa nel periodo estivo e replica nel periodo autunnale. I risultati di tali campionamenti hanno permesso di ottenere un giudizio mediamente buono del corso d’acqua.

Per la redazione del progetto sono inoltre state eseguite le seguenti indagini ambientali:
  • Prelievo delle acque per le analisi chimico-fisiche e microbiologiche in due stazioni, a monte ed a valle della presa;
  • Campionamenti IBE a monte ed a valle della soglia esistente;
  • Applicazione dell’Indice di Funzionalità Fluviale (IFF) nel tratto sotteso dalla derivazione;
  • Redazione di un piano di monitoraggio post-operam per verificare le caratteristiche qualitative del corpo idrico in fase di esercizio dell’impianto al fine di raggiungere gli obiettivi di qualità previsti della Direttiva Quadro sulle Acque 2000/60/CE;
  • Rilievo della vegetazione e quantificazione delle piante da allontanare per la realizzazione delle opere in progetto;
  • Rilievo delle macrofite in tre stazioni del tratto sotteso dalla derivazione con successiva redazione di un elenco floristico delle specie ritrovate ed indicazione delle relativa abbondanza;
  • Valutazione delle caratteristiche morfologiche dell’alveo del torrente attraverso analisi in campo e fotointerpretazione di ortofoto e della carta storica IGM;
  • Analisi granulometrica dell’alveo dello Stura;
  • Analisi socio-economica del territorio interessato dagli impatti;
  • Rilievo fonometrico attraverso valutazione del clima acustico presso i ricettori sensibili;
  • Valutazione degli impatti attraverso l’applicazione di matrici coassiali;
  • Studio del contesto paesaggistico di realizzazione delle opere e redazione della rispettiva Relazione Paesaggistica al fine di ottenerne l’autorizzazione ai sensi del D.Lgs. 42/2004;
  • Redazione di un progetto di compensazione ambientale che prevede la realizzazione di vasche per la stabulazione dei pesci.